Museo di Santa Giulia

Via dei Musei, 81/b, Brescia, BS, Italia (0)

Uno scrigno di tesori

Eretto nel 753 d.C. per volere di re Desiderio, ultimo re dei Longobardi, e di sua moglie Ansa, il monastero femminile di regola benedettina di San Salvatore, successivamente dedicato a Santa Giulia, ricoprì un ruolo fondamentale all'interno della vita cittadina.

La tradizione, ripresa e romanzata dal Manzoni nel suo Adelchi, vuole che in questo complesso monastico si consumasse la drammatica vicenda di Ermengarda, figlia di re Desiderio e sposa ripudiata da Carlo Magno.

Vero e proprio palinsesto architettonico, si articola intorno a tre chiostri e ad altrettante chiese: la basilica longobarda di San Salvatore, che conserva eccezionalmente decorazioni in stucco risalenti al VIII secolo, la chiesa romanica di Santa Maria in Solario, sotto il cui cielo stellato è conservata la preziosissima 'Croce di Desiderio', e quella rinascimentale di Santa Giulia, oggi adibita ad auditorium e impreziosita dal Coro delle Monache.

Edificato su un’area frequentatissima già nel II sec. a.C., il Monastero conserva al suo interno consistenti tracce di abitato residenziale di epoca romana: si tratta delle cosiddette 'Domus dell'ortaglia', più precisamente la 'Domus di Dionisio' e quella 'delle Fontane', attive con certezza fra il I a.C. e il IV d.C., rinomate per i loro splendidi mosaici.

Oltre alle opere e ai siti già citati, il Museo conserva al suo interno preziose testimonianze della storia cittadina che vanno dalla Preistoria all'epoca moderna, come la celebre Vittoria alata – la grande scultura in bronzo rinvenuta, assieme ad altri importanti bronzi, in un'intercapedine del vicino Tempio Capitolino – il Gallo di Ramperto, la Lastra del Pavone, alcuni avori medievali, il mausoleo Martinengo, gli affreschi di Girolamo Romanino e una scultura con la crocifissione di Santa Giulia.

Il sito, insieme all'area archeologica del Foro romano, è stato inserito dall’UNESCO all’interno del sito seriale “I longobardi in Italia - I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.

Orari di apertura

Giorno Orario
Domenica 10:30 - 19:00
Lunedì Closed
Martedì 10:30 - 19:00
Mercoledì 10:30 - 19:00
Giovedì 10:30 - 19:00
Venerdì 10:30 - 19:00
Sabato 10:30 - 19:00

Telefono